sabato 30 marzo 2013

moglie-mamma-medico: quale scelta?

moglie-mamma-medico. Ma non fatevi ingannare: non sono in ordine di importanza, ma di tempo di realizzazione.



Questo perchè ognuno dei tre modi di essere è parte integrante della mia persona.
Premetto che i miei pensieri e le mie parole sono ormai soggetti, anzi completamente assoggettati, ai miei ormoni di futura mamma.
Sono moglie, anche se con quasi 5 figli in giro per casa, spesso è l'aspetto di me che più metto in disparte, ma...ci sto lavorando per migliorare. Per ora mi sono comprata un libro "Sposati e sii sottomessa" che mai avrei pensato potesse entrare nella mia casa. (in effetti non l'ho ancora iniziato).
Sono mamma e questo è sicuramente più difficile tralasciarlo, soprattutto quando entri in casa e vieni assalito da 4 belve urlanti e intanto te ne porti una in saccoccia che ti pianta i gentili piedini nel fegato.
Sono medico-specializzando e questo vuole dire che sono una mamma lavoratrice senza peraltro un orario fisso.

E' difficile conciliare tutto e ultimamente mi sono anche chiesta se ne vale la pena. O meglio mi sono chiesta cosa mi sia chiesto...perchè sono convinta che a ciascuno di noi è chiesto qualcosa, ma bisogna sapere ascoltare.
Non è la difficoltà di orari, nè il correre da una parte all'altra che mi fa interrogare. E' qualcosa di più profondo, una domanda esistenziale che mi fa interrogare sul mio (e nostro, inteso in senso famigliare) futuro. La scelta di stare a casa e dedicarsi alla famiglia può arrivare anche solo con un figlio. A me la domanda è arrivata con il 5° solo perchè legata al mio percorso personale, alla mia crescita. Non al numero!
Chi mi conosce forse si stupirà di leggere tutto questo perchè sono sempre stata convinta che l'unica "giusta" scelta fosse quella di lavorare; ho sempre difeso la parità dei sessi; sono sempre stata decisa e indipendente nelle mie scelte; non ho mai concepito lo stare a casa come un valore per la famiglia. Beh, si cambia!!!

Ho riflettutto veramente tanto su questo nell'ultimo periodo. E alla fine sono giunta alla conclusione che, sebbene sia arrivata a riconoscere l'importanza della scelta di dedicarsi alla famiglia come valore per la crescita dei propri figli e della società, sebbene qualunque scelta implica delle rinunce e dei sacrifici, io sono moglie-mamma-medico.
Non rinuncio alla mia professione ed alla mia formazione perchè credo che mi sia chiesto di continuare così. Sono convinta che Gesù voglia questo da me. Sono cioè del parere che in questo momento mi sia chiesto di continuare a fare la mamma-lavoratrice, che questa sia la mia strada e quella della mia famiglia per compiere il mio destino e il Suo volere.
Non a tutti sono chieste le stesse cose!

Non so se mi sono spiegata...perchè il pensiero è lungo, tormentato e complesso. Tra l'altro questo post lo medito da qualche tempo e nella mia testa aveva tutt'altro taglio, ma...così è invece scaturito.

15 commenti:

  1. io non ho rinunciato a nulla...certo, lavoro solo part time ma son moglie-mamma-medico....blogger a 360 gradi. E ne sono felice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so! Sai, in tanti mi hanno chiesto se tornerò a lavorare suoi questa maternità. Ho risposto di si. Perché la mia strada è anche quella! Mi piace il mio lavoro, lo faccio con passione e mi dà tanta soddisfazione! E quindi continuo!

      Elimina
  2. Io me lo sono chiesta prima dei figli, come potevo conciliare il mio lavoro e quello del Navigante e pensare di creare una famiglia? Impossibile, almeno per noi. E quindi ho dovuto mettere da parte tutto quello in cui credevo: la parità dei sessi e la mia indipendenza sopra tutto. Da una parte è stata ed è dura, ma guardo i nostri nani e quello che abbiamo creato e non posso che essere felice :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinta che per voi sia la scelta giusta!

      Elimina
  3. Io ho scelto di perdere il lavoro, sì ho pubblicamente dichiarato di essere incinta quando il contratto stava scadendo e sapevo non lo avrebbero rinnovato, ma mai avrei nascosto mia figlia che c'era.
    da allora sono mamma e casalinga e il mio lavoro è crescermi i figli per non lasciarlo fare ad altri, risparmiare facendo la casalinga come si faceva una volta.
    quando saranno abbastanza grandi (tutti e due alla materna) allora sì tornerò a cercare quel part time che mi farà essere anche una lavoratrice, PER ME, perchè alla famiglia non cambierà nulla.
    e tornerò a fare volontariato, in qualche forma, con gli animali, con le persone, donando "me" perchè io sono così.
    Sì ognuno di noi ha una missione, io sono nata nell'epoca sbagliata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché nell'epoca sbagliata? Anche oggi puoi fare la mamma-casalinga con dignità! E tu lo stai facendo!

      Elimina
    2. con dignità, con amore, con allegria, con affetto, con costanza, con......tutto quello che ci vuole!

      Elimina
  4. Come hai detto tu:'è quello che è chiesto alla mia FAMIGLIA per compiere il MIO DESTINO.
    In altre parole Jessica...sei la solita egocentrica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chiedersi cosa ci sia chiesto, quale sia la strada che Lui ci indica non lo reputo egocentrismo. E' stato ed è per me tutt'ora fonte di numerose domande che probabilmente continuerò a farmi (anche se magari ciclicamente e non continuativamente).
      Riportare poche parole di un pensiero già di per sè complicato e articolato e che forse non sono nemmeno riuscita ad esprimere fino in fondo mi sembra un poco riduttivo.
      Qualunque scelta noi compiamo non siamo soli e questo implica un coinvolgimento di chi ci sta intorno, nella fattispecie della propria famiglia. Ed è proprio a partire dalla mia famiglia e nel guardare i bimbi che ci sono stati dati che mi sono sorte certe domande.

      Elimina
    2. Jessica se dovessi scrivere tutto ciò che sento non basterebbe un libro
      Noto che, al solito, rigetti qualsivoglia critica che ti venga mossa.
      ergo la pianto qui, conscio che qualsiasi cosa io possa scrivere sarà da te bollata come "non vera" o "riduttiva".
      Permettimi un'ultima osservazione. almeno su carattere sii onesta con te stessa. contestare il tuo egocentrismo sarebb come se io mi arrabbiassi perché qualcuno mi definisse "cinico e bastardo"

      Elimina
  5. ANCHE IO, SOTTO CONSIGLIO DI MIA COGNATA HO COMPRATO QUEL LIBRO!!!!! SARÀ UN SEGNO!?!?!?!?!? MAGARI ARRIVA IL QUINTO ANCHE A ME..(MAGARI)!! :-)
    COMUNQUE CAPISCO I TUOI DUBBI MA MI SA CHE TI SEI GIÀ RISPOSTA DA SOLA.
    il SIGNORE HA UN DISEGNO SU TUTTI NOI E TI HA CHIAMATA A FARE QUESTO TRIDUO DI COMPITI PERCHÈ NE SEI IN GRADO..........
    HAI RAGIONE C'È CHI SCEGLIE DI STARE A CASA CON UN FIGLIO IO L'HO SCELTO CON I LQUARTO .... MA PER ALTRI MOTIVI , PER CUI OGNUNO HA IL SO DESTINO E IL SUO CAMMINO DA FARE ....
    NELLA PREGHIERA NELL'AFFIDAMENTO AL sIGNO RE CAPIRETE TU E TUO MARITO IL DAFARSI EN SON SICURA ....
    BUONA GIORNATA

    RispondiElimina
  6. I miei complimenti per le scelte fatte, io sono a casa dal 1° figlio, ora aspetto il secondo e chi sa mai anche altri in futuro... =)
    Tanti auguri per la nuova nascita (a quando?) e saluti a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! speriamo che siano quelle giuste e, nel momento in cui non dovessero più esserlo, di sapere riconoscere eventuali necessità di cambiamento.
      xy...è arrivato!
      a breve ve lo presento...

      Elimina
  7. Probabilmente il post non sarà più attivo ai tuoi occhi , ma sento assolutamente il bisogno di dirti GRAZIE . GRAZIE perchè il mio sogno è quello di diventare moglie, mamma , medico ... GRAZIE perchè cercavo esempi simili , un esempio come il tuo , una persona capace di conciliare tutto . Ho 20 anni , ho passato medicina ma mi sono bloccata : ho avuto paura di non avere tempo per realizzare tutto ciò che nella mia vita vorrei al di fuori del lavoro , come costruirsi una famiglia e passare tempo con essa .
    sicuramente la tua esperienza è qualcosa che mi tira su il morale e mi fa tornare la voglia di riprovare al test

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao,
      grazie a te di essere transita di qui.
      per me è stato così e lo è tutt'ora.
      oggi sono anestesista rianimatore e ho un incarico di 12 mesi. tutti i miei sogni si stanno realizzando. non nego che sia difficile conciliare tutto e trovare iu giusti compromessi ma è possibile. se dovessi tornare indietro rifarei tutto!!!!!!!!!!!

      Elimina